Tra i tanti poeti che affascinano e ammaliano ancora oggi, c’è sicuramente Charles Baudelaire. Per chi non lo sapesse, il celebre autore de “I fiori del male”, ha scritto – tra le altre cose – alcune poesie dedicate al felino più amato dall’uomo.

Per esempio, quella chiamata “Il gatto”: in questo pezzo il poeta paragona l’amore per una donna a quello per un micio, infatti secondo Baudelaire hanno gli occhi molto simili: in grado di ammaliare, ma al contempo freddi. Di seguito, ve ne riportiamo i versi:

“Vieni, mio bel gatto, sul mio cuore innamorato;
ritira le unghie nelle zampe,
lasciami sprofondare nei tuoi occhi
in cui l’agata si mescola al metallo.

Quando le mie dita carezzano a piacere
la tua testa e il tuo dorso elastico e la mia mano
s’inebria del piacere di palpare il tuo corpo elettrizzato,
vedo in ispirito la mia donna.

Il suo sguardo, profondo e freddo come il tuo, amabile bestia,
taglia e fende simile a un dardo, e dai piedi alla testa
un’aria sottile, un temibile profumo
ondeggiano intorno al suo corpo bruno. “


In un’altra poesia, sempre dedicata agli occhi dei felini, racconta di come le “loro pupille siano mistiche” e di come gli uomini apprezzino questo animale domestico:

LEGGI  Tecniche di addestramento: come educare il tuo cane in poche semplici mosse

“I fervidi innamorati e gli austeri dotti amano ugualmente,
nella loro età matura, i gatti possenti e dolci, orgoglio
della casa, come loro freddolosi e sedentari.

Amici della scienza e della voluttà, ricercano il silenzio e
l’orrore delle tenebre; l’Erebo li avrebbe presi per funebri
corsieri se mai avesse potuto piegare al servaggio la loro fierezza.

Prendono, meditando, i nobili atteggiamenti delle grandi
sfingi allungate in fondo a solitudini, che sembrano
addormirsi in un sogno senza fine:

le loro reni feconde sono piene di magiche scintille e di
frammenti aurei; come sabbia fine scintillano vagamente
le loro pupille mistiche.”

LEGGI  Il gattino incontra un riccio per la prima volta (VIDEO)

In una terza poesia, ancora, il poeta innalza la figura del gatto fino a somigliarlo a una fata, o a un dio. C’è proprio una sorta di devozione in questi versi, che recitano:

“Che dolce profumo esala da quel pelo
biondo e bruno! Com’ero tutto profumato
una sera che l’accarezzai
una volta, una soltanto!

È lui il mio genio tutelare!
Giudica, governa e ispira
ogni cosa nel suo impero;
è una fata? O forse un dio?

Quando i miei occhi, attratti
come da calamita, dolci si volgono
a quel gatto che amo
e guardo poi in me stesso,

che meraviglia il fuoco
di quelle pallide pupille,
di quei chiari fanali, di quei viventi opali
che fissi mi contemplano!”

LEGGI  Il gattino gioca e si diverte con il theremin (strumento musicale)

Una cosa è chiara: è vero che Charles Baudelaire con la sua opera “I fiori del male” diede scandalo ai suoi tempi, ma è pur vero che se gli animalisti lo avessero sentito parlare di gatti lo avrebbero senza dubbio osannato.