“Multum in parvo”, un termine latino che significa “molti cani in un piccolo spazio”, è talvolta usato per descrivere i carlini, con la loro pelle ampia e rugosa e gli occhi grandi ed espressivi. E, se possiedi un carlino, lo sai in prima persona questi cuccioli hanno una personalità fuori dal comune.

Ecco cinque cose che potresti non sapere sui carlini.

1. Carlini brontolanti

Sappiamo che il nome collettivo per un gruppo di cani si chiama “branco”. Sapevi che un gruppo di tre o più carlini si chiama “brontolare”? In qualche modo, questo sembra abbastanza adatto per questa razza di cane espressiva e vocale.

2. I carlini sono una razza davvero antica

Il carlino era uno dei preferiti degli antichi sovrani cinesi, allevato appositamente per essere cani da compagnia durante la dinastia Shang nel 400 a.C. Anche Confucio fece riferimento alla razza, scrivendo di un “cane dalla bocca corta” nel 551. Man mano che la loro popolarità cresceva, il carlino divenne il compagno preferito dai monaci buddisti in Tibet, poi dalle famiglie in Giappone e in Europa.

LEGGI  Cucciolo di bulldog vuole troppo bene al cucciolo di umano (VIDEO)

Durante il XVI secolo, il carlino fu importato nei Paesi Bassi dalla Compagnia Olandese delle Indie Orientali e da lì la sua popolarità si diffuse in Inghilterra, Francia, Spagna e Italia.

3. Carlini reali

Carlino che corre

La monarchia reale dei Paesi Bassi adottò il carlino come cane ufficiale di famiglia alla fine del 1500 dopo che “Pompeo” sventò l’assassinio del principe Guglielmo d’Orange da parte delle truppe spagnole con il suo incessante abbaiare. Oggi, il fedele compagno del principe è immortalato insieme a lui: Pompeo è scolpito ai piedi del monumento a Guglielmo il Silenzioso.

LEGGI  L'acquario personalizzato del gatto gli consente di vedere il pesce faccia a faccia

Altri nobili proprietari di carlini includono la regina Vittoria, che regnò sul Regno Unito e sull’Irlanda durante il 1800 insieme al suo branco di carlini, incluso il suo “Basco” preferito, e l’imperatrice Giuseppina Bonaparte, il cui fedele carlino “Fortune” dormiva a letto con lei e Napoleone Bonaparte .

4. Problemi di naso corto

Molti pensano erroneamente che i carlini prendano il raffreddore più spesso di altre razze di cani a causa del loro naso corto. In effetti, non lo fanno, i loro sintomi sono solo più evidenti a causa della loro struttura facciale. I carlini hanno spesso molta congestione e quindi molti rumori correlati come sbuffare, sibili e russare più forte del solito.

LEGGI  Il cucciolo ha un modo tutto suo per scendere le scale! (VIDEO)

È importante prendere nota quando pensi che il tuo carlino abbia il raffreddore perché potrebbe effettivamente essere un’allergia. I sintomi sono molto simili. Le razze di cani brachicefali dovrebbero essere attentamente monitorate quando si tratta di allergie perché, se non trattate, potrebbero sviluppare un’infezione respiratoria.

Carlino seduto

5. Problemi di salute comuni per i carlini

Le condizioni di salute più comuni per i carlini, in base alle richieste degli assicurati dell’assicurazione per animali domestici a livello nazionale, sono, in ordine di pervasività:

  • Infezioni alle orecchie
  • Allergie cutanee
  • Cheratite secca (occhi secchi)
  • Diabete mellito
  • Cistite (infezione del tratto urinario)

Inoltre, mentre la faccia rugosa del tuo carlino è davvero adorabile, richiede cure di routine: pulisci regolarmente tra le rughe per prevenire infezioni e crescita batterica.