Il tuo animale domestico ama crogiolarsi al sole? Non è così innocuo come sembra. Perché gli animali domestici possono scottarsi al sole – e sviluppare anche il cancro della pelle oltre che prendersi un colpo di sole se stanno troppo all’aperto in orari caldi.

Sfortunatamente, una pelliccia non impedisce sempre agli animali domestici di sperimentare gli effetti dannosi dei raggi UV. Come le persone bionde, cani e gatti con mantelli bianchi o radi, la pelle non pigmentata e / o il naso rosa tendono ad essere più suscettibili alle scottature.

Ciò significa che le razze a pelo corto come pit bull, bulldog e dalmata privi di pigmento possono ottenere più della loro giusta dose di scottature solari. Non sorprende che le razze senza peli, inclusi cani crestati cinesi o gatti sphynx, possano essere a rischio. E se il tuo animale domestico ha la caduta dei peli a causa di allergie o viene rasato per rimanere fresco in estate, hai indovinato: le aree esposte possono essere bruciate dal sole.

Per la maggior parte dei cani, le aree relativamente prive di peli come le ascelle, l’inguine e la pancia sono comunemente bruciate dal sole. Lo stesso vale per le aree del viso, comprese le orecchie, intorno alle labbra, sul ponte e sui lati del muso e sulle palpebre.

LEGGI  Le ultime avventure di Romeo, il cagnolino con il cancro alle ossa non c'è più

E il tuo gatto bianco che sonnecchia al sole mentre si inclina sul tappeto del soggiorno? Può anche scottarsi, senza nemmeno andare all’aperto. Le posizioni comuni di scottature solari per i gatti includono le orecchie, la pelle direttamente davanti alle orecchie e le aree intorno agli occhi, al naso e alle labbra.

RAGGI UV DANNOSI PER GLI ANIMALI

I raggi ultravioletti (UV) possono penetrare nella pelle e causare cambiamenti all’interno delle cellule che possono portare all’invecchiamento cutaneo e a diversi tipi di cancro. I raggi UVB, che sono costituiti da lunghezze d’onda relativamente brevi, tendono a penetrare negli strati superficiali della pelle e generalmente causano il rossore associato alle scottature solari.
La maggior parte dei raggi UV – quasi il 95 percento – sono costituiti da raggi UVA “più lunghi”, che possono penetrare attraverso il vetro e penetrare più a fondo nella pelle rispetto ai raggi UVB, causando potenzialmente danni che possono portare al cancro della pelle.

PROTEGGI IL TUO ANIMALE DOMESTICO

Il modo migliore per proteggere il tuo animale domestico è tenerlo lontano dal sole diretto durante le parti del giorno in cui i raggi UV sono più intensi, in genere tra le 9:00 e le 15:00. bloccare i raggi UV nel luogo soleggiato preferito del tuo animale domestico.

LEGGI  Dopo 3 anni di paralisi e fisioterapie il cane torna a camminare: il video ti farà emozionare

Quando ti avventuri all’aperto, applica la protezione solare sulle aree esposte del tuo cane o gatto. Il veterinario può consigliare una crema solare realizzata appositamente per gli animali domestici. In genere, questi prodotti sono privi di profumo e non contengono ingredienti potenzialmente tossici per gli animali domestici come l’ossido di zinco e l’acido para-aminobenzoico (PABA). Idealmente, il prodotto dovrebbe aiutare a proteggere dai raggi UVA e UVB.

Se non riesci a trovare una crema solare specifica per animali domestici, quella progettata per neonati e bambini potrebbe essere un’opzione. Cerca un prodotto impermeabile ad ampio spettro, senza profumo, con un SPF di almeno 15 o 30. Ancora una volta, assicurati che il prodotto non contenga ossido di zinco o PABA. I filtri solari umani possono contenere anche ingredienti come l’ottil salicilato, un derivato dell’aspirina. Poiché i gatti sono particolarmente sensibili all’aspirina, evitare questi prodotti nei gatti che potrebbero ingerire l’ingrediente durante la toelettatura. In caso di dubbi su un determinato prodotto, non esitare a consultare il veterinario.

LEGGI  Il mio animale domestico ha bisogno di una visita oculistica?

Applica la protezione solare da 15 a 20 minuti prima che il tuo animale domestico sia esposto al sole. Strofina la crema solare nelle zone più esposte, come orecchie, naso, ascelle e inguine, evitando gli occhi. Impedisci al tuo animale domestico di leccare le aree per circa 15 minuti, fino a quando la protezione solare non viene assorbita dalla pelle. Anche se il prodotto è impermeabile, ti consigliamo di riapplicarlo ogni 4-6 ore se il tuo animale sta nuotando o fuori per un certo periodo di tempo.

ALTERNATIVE ALLA PROTEZIONE SOLARE

È facile trovare indumenti protettivi per il sole, alcuni dei quali realizzati con fattore di protezione dai raggi ultravioletti (UPF). Un UPF di 50 mezzi 1/50 ° dei raggi UV del sole può raggiungere la pelle. Puoi persino equipaggiare il tuo animale domestico con cappelli e occhiali per ridurre l’abbagliamento. Ricorda solo di assicurarti che il tuo animale domestico non si surriscaldi perché indossa uno strato extra al sole.

Una volta che tu e il tuo animale domestico vi siete divertiti al sole, trovate un posto piacevole e tranquillo per rilassarvi – all’ombra.