La storia degli scoiattoli nel campus universitario che si fanno toccare da una sola studentessa (VIDEO)

La storia degli scoiattoli nel campus universitario che si fanno toccare da una sola studentessa (VIDEO)

Maria Krupa è una studentessa presso la Penn State University, il quale campus è famoso per essere stracolmo di amichevoli scoiattoli che però non permettono a nessuno di avvicinarsi a loro tranne appunto, la giovane Maria.

Si fidano così tanto che lei ogni tanto prepara per loro dei simpatici vestitini o cappelli, che gli scoiattolini indossano con piacere in cambio di una nocciolina, la pagina facebook di Maria è così diventata famosissima su Facebook.

La clinica veterinaria pubblica per chi non può pagare le cure per i propri animali

Leggiamo su Repubblica di una bellissima iniziativa che speriamo troverà sbocchi anche in altre città italiane, a Milano aprirà a breve la prima clinica veterinaria pubblica italiana dove i proprietari di cuccioli e animali che non hanno la possibilità economica di offrire le giuste cure mediche, troveranno un luogo dove poter far controllare e curare i loro amici a quattro zampe.

La clinica veterinaria pubblica per chi non può pagare le cure per i propri animali

“La sede di quella che sarà una vera e propria ‘Casa degli animali’ è già stata individuata: 200 metri quadri in via Senigallia 60, quartiere di Bruzzano. L’amministrazione comunale ha dato il via formale all’iter che doterà la città di questa struttura, la prima in assoluto nel suo genere, entro il 2014. Sono state approvate le linee guida del bando pubblico che sarà costruito e pubblicato nelle prossime settimane.

La struttura, si legge in una nota di Palazzo Marino, sarà concessa gratuitamente ad associazioni senza scopo di lucro; sarà selezionato un progetto che garantisca la fruizione pubblica del luogo prescelto e la vocazione sociale del progetto. Gli spazi individuati verranno concessi a titolo gratuito per un periodo massimo di tre anni, con possibilità di un rinnovo della concessione per altri tre anni dopo la presentazione di un nuovo piano di attività. Lo spazio dovrà essere aperto gratuitamente ai cittadini milanesi che non sono in grado di far fronte alle spese per curare i propri animali.”

Il cane da soccorso alla fine di una dura giornata di lavoro: la foto è bellissima – GUARDA

Il cane da soccorso alla fine di una dura giornata di lavoro: la foto è bellissima   GUARDA

Oltre a essere fantastici animali da compagnia, i cani svolgono un ruolo importante in altri settori della società. I cani da ricerca e soccorso offrono un contributo prezioso in molte situazioni di emergenza causate da calamità o catastrofi: a detta di alcuni esperti, un solo cane può svolgere il lavoro di oltre 20 persone.

Per questo abbiamo trovato di una bellezza assoluta questa foto e non potevamo non condividerla con voi 🙂

Il cane da soccorso alla fine di una dura giornata di lavoro: la foto è bellissima   GUARDA

Shayna era ferita e in fin di vita, ora è il cane più felice del mondo (FOTO)

Un’altra bella storia di due angeli custodi che stavano passeggiando con la loro bici per strada quando a un certo punto hanno visto questa povera cagnetta ferita e in fin di vita, a stento riusciva ad alzarsi in piedi. La coppia di giovani ha raccolto Shayna e ha percorso mezz’ora in bici per raggiungere il centro veterinario più vicino..

Grazie a loro ora Shayna è la cagnolina più serena e felice del mondo 🙂

Shayna era ferita e in fin di vita, ora è il cane più felice del mondo (FOTO)
Shayna era ferita e in fin di vita, ora è il cane più felice del mondo (FOTO)
Shayna era ferita e in fin di vita, ora è il cane più felice del mondo (FOTO)
Shayna era ferita e in fin di vita, ora è il cane più felice del mondo (FOTO)
Shayna era ferita e in fin di vita, ora è il cane più felice del mondo (FOTO)
Shayna era ferita e in fin di vita, ora è il cane più felice del mondo (FOTO)
Shayna era ferita e in fin di vita, ora è il cane più felice del mondo (FOTO)
Shayna era ferita e in fin di vita, ora è il cane più felice del mondo (FOTO)
Shayna era ferita e in fin di vita, ora è il cane più felice del mondo (FOTO)

Gli insegnamenti da trarre dai nostri amici a quattro zampe

Al giorno d’oggi sono veramente tante le persone che condividono le giornate con un animale domestico, dai single alle famiglie numerose, instaurando un rapporto quotidiano di affetto e fiducia che dona benessere ad entrambe le parti. I casi più eclatanti riguardano bambini autistici o affetti da disturbi personali e di interazione con il mondo esterno che, grazie al contatto con un cane giocherellone o con un micio amorevole, scoprono l’allegria, la gioia e l’affetto, insomma scoprono la bellezza della vita, come testimonia la storia di Xena e Johnny, rispettivamente cagnolina maltrattata ed abbandonata e bambino autistico di 8 anni chiuso ed isolato.

Gli insegnamenti da trarre dai nostri amici a quattro zampe

Dal giorno in cui si sono trovati, hanno iniziato a stare bene entrambi, Xena grazie alle cure che l’hanno rimessa in sesto e donato nuova dignità, Johnny è diventato più ricettivo, ha voglia di giocare e addirittura chiacchiera e canta; un rapporto incredibilmente profondo per cui uno cerca sempre il supporto e il contatto dell’altro.

Oltre questi casi di straordinaria empatia, si possono carpire tantissimi insegnamenti dagli amici a quattro zampe anche nella vita quotidiana di casa. Basterebbe infatti saperli osservare bene per capire che le azioni che compiono hanno sempre un motivo, un senso, dettato da istinti naturali ed innati, e per questo raramente commettono errori: il più delle volte siamo noi a considerarli tali poiché abbiamo un modo differente di percepire il mondo circostante.

Per esempio, spesso capita che un gatto, nel momento in cui il padrone di casa riceve visite, corra a nascondersi in qualche luogo rintanato, oppure rimanga in disparte a studiare ed analizzare la situazione, mentre noi cerchiamo magari di avvicinarlo per una carezza o per vederlo meglio. Ma riflettendo possiamo capire che non si comporta così solo perché è un micio scontroso, bensì lo fa per precauzione: non conosce i nuovi individui, forse li ha già visti ma ha comunque troppe poche conoscenze per stabilire se avvicinarsi sia una scelta adatta o meno. Non a caso è anche il comportamento che adottano tante specie selvatiche in presenza di sconosciuti ed elementi estranei al loro territorio.

Gli insegnamenti da trarre dai nostri amici a quattro zampeDa questo possiamo trarre un ottimo insegnamento: è bene avere spirito di osservazione, utilizzare tutte le nostre capacità per avere un quadro della situazione e sapere cosa aspettarci, dote che di questi tempi è assolutamente indispensabile. Ma il micio di casa può fornirci tanti altri elementi su cui riflettere, ad esempio il rispetto e l’indipendenza, suoi tratti caratteristici. Per collegarci al discorso appena fatto, la maggior parte dei gatti inizialmente non mostra affetto in maniera evidente, ha bisogno di sapere se è qualcuno degno della sua fiducia.

E come mai si può ottenere l fiducia di qualcuno, cane, gatto o persona?  Ovviamente attraverso il rispetto. Un gatto infatti vi porterà rispetto e si fiderà di voi solo quando gli avrete dimostrato di rispettarlo voi per primi, con uno scambio reciproco che raramente si vede nei rapporti tra esseri umani. In quanto all’indipendenza, il gatto è l’esempio più evidente di quanto si possano instaurare buoni rapporti con altri individui senza mai perdere l’indipendenza e la propria libertà. Provate ad ordinare un gatto di fare qualcosa, e vi guarderà come per ribadire il fatto che voi siete sì il suo amico umano, ma nulla vi dà l’autorità di obbligarlo a compiere azioni contro la sua volontà.

Gli insegnamenti da trarre dai nostri amici a quattro zampe

Con il cane poi, possiamo riscoprire anche la bellezza di attività semplici quanto benefiche, come il gioco all’aria aperta, che oltre a rafforzare l’amicizia ci fa scaricare le tensioni e lo stress che indiscutibilmente accumuliamo ogni giorno. Altra caratteristica prettamente canina è poi l’affetto disinteressato, ovvero voler bene ad una persona, parente, amico, uomo o donna che sia, non per un tornaconto personale, ma unicamente per il fatto che si tratta di compagni che ci saranno accanto per la vita, e per questo dovremmo dimostrargli sempre il loro valore, proprio come dimostra un cane che ci fa le feste ogni volta che entriamo in casa, anche se magari ci siamo assentati per poco tempo: non c’è nulla di più bello di una manifestazione di puro affetto.

Inoltre gli animali nelle nostre case, siano cani e gatti oppure criceti, conigli e pappagalli possono insegnarci una cosa fondamentale: la capacità di saper salutare per sempre quando arriva il momento. Purtroppo come per tutti gli esseri viventi, anche per i nostri amici verrà il momento dell’addio, e questa consapevolezza sa renderci preparati in qualche modo al controllo delle emozioni, senza restare oppressi dal senso di attaccamento che ci lega a loro. Gli animali sanno darci tanto, e non a caso sono presenti nella vita umana fin dall’antichità, sta a noi il compito di recepire le lezioni e metterle in pratica per migliorare la nostra vita e quella di chi ci sta attorno.